FISI CONDANNA LA LETTERA DEL CRUI A SOSTEGNO DI UN EVENTUALE GOVERNO DRAGHI-BIS

da | Lug 19, 2022 | Comunicati Stampa | 1 commento

Il sindacato Fisi condanna la lettera scritta dalla CRUI in sostegno di un eventuale governo Draghi-Bis. Riteniamo che tali atteggiamenti corporativi e dall’imbarazzante sapore di altri tempi, non siano propri di una democrazia matura.

Ricordiamo che la CRUI è un organismo privato non rappresentativo del sentire degli accademici e del personale Tab universitario.

Ricordiamo altresì che compito dell’Università è la promozione del dibattito e del pensiero critico, tutt’altra cosa dall’adesione a questo o quel governo, che non compete certo alla burocrazia accademica ma è questione riguardante la libera scelta democratica dei singoli.

Esortiamo pertanto la CRUI a ritirare la suddetta missiva e scusarsi con la comunità accademica tutta.

Ciro Silvestri

La lettera del CRUI

comunicato stampa FISI

Condividi

1 commento

  1. Engel

    Rettori di parte? Com’è possibile?
    Il riferimento leggero nasce spontaneo …… “In un mondo che, …. libero non è …..”.
    Gli Italiani sono un popolo libero, talmente libero da essere maestri dell’Arte di arrangiarsi.
    Dobbiamo riprenderci quel titolo perché siamo stati, siamo e saremo la culla della cultura nel mondo

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Recenti

Categorie

Eventi

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

Anche il FISI parteciperà a corteo che si terrà a Castelfranco Veneto il 14 maggio prossimo. Tra i relatori, oltre al Segretario Vicario Ciro Silvestri, ci saranno: Francesco Toscano, Loris Mazzorato, Davide Gerotto, guido Cappelli, Stefano Puzzer e Andrea Donaggio.

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

Venerdì 8 aprile presso la Fattoria Il Rosmarino in Via Pialoi a Marcon (VE), il FISI incontra i lavoratori per parlare degli ultimi avvenimenti che hanno stravolto il mondo del lavoro dopo il DL aperture. I referenti del sindacato saranno a disposizione per...

Leggi anche

SE ATENE PIANGE, SPARTA NON RIDE

SE ATENE PIANGE, SPARTA NON RIDE

La politica continua a riproporsi in maniera autoreferenziale e non riesce a liberarsi dal bisogno di dare spettacolo, con tanto di battute e denigrazione degli avversari. Così facendo sarà il Paese tutto a perdere e nonostante, in un modo o in un altro, si formerà necessariamente un nuovo Governo, quasi sicuramente sarà l’ennesima sintesi di poteri che non rispondono alla sovranità popolare.

Condividi
IL RE E’MORTO, VIVA IL RE

IL RE E’MORTO, VIVA IL RE

Nell’Europa prerivoluzionaria di Antico Regime, la morte del re veniva annunciata in contemporanea con l’avvento del suo successore, ricorrendo alla formula: “il re è morto, viva il re!”. In uno strano gioco di corsi e ricorsi, sembra proprio quello che è accaduto...