UTILIZZO DELLE MASCHERINE, LICENZIAMENTI E SOSPENSIONI, LA FISI DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE NAZIONALE.

da | Lug 15, 2022 | Attualità | 10 commenti

Ciò che è accaduto ad Anita Mariani dipendente della ditta Brunello Cucinelli di Perugia – licenziata per aver rifiutato di indossare la mascherina – ed a numerosi dipendenti della Grande Distribuzione Organizzata (Supermercati) e delle piccole e grandi industrie – sospesi per aver rifiutato di utilizzare la mascherina – con la complicità di CGIL, CISL e UIL che hanno condiviso un “Protocollo” per “imbavagliare” i dipendenti, è qualcosa che rappresenta un unicum in Europa e nel mondo.
Clienti liberi di non utilizzare alcuna mascherina poiché sono decadute tutte le leggi che la impongono e, nello stesso ambiente, dipendenti che sono costretti ad indossarla senza alcuna evidenza scientifica, con danno alla respirazione, “segnati” dall’utilizzo della stessa come “diversi” e come “pubblico esempio”: vuoi lavorare? Allora indossa la mascherina e se non la indossi ti sospendo e ti licenzio….Altro che sicurezza sul lavoro…questo dimostra solo che , in contrasto con l’art. 1 della Costituzione in Italia esistono gli “schiavi” (operai) ed i “padroni” , e che gli schiavi debbono essere pronti a tutto anche a sacrificare la propria vita per il proprio padrone. Povera Italia!!! condotta da un Governo non eletto e da Sindacati pronti a prostrarsi alle volontà dei padroni mascherandosi dietro la motivazione de “la sicurezza dei lavoratori”.
Il Segretario Generale della FISI, Rolando Scotillo, con un lungo ed articolato documento inviato a Confindustria, alla G.D.O. ed al Governo ed ai Ministri , ha indetto lo stato di agitazione nazionale propedeutico alla dichiarazione di sciopero nazionale. E’ in programmazione, se il Governo non ci risponderà, un lungo, lunghissimo sciopero a singhiozzo fino a quando questa inutile , dannosa e umiliante imposizione ai soli dipendenti dell’utilizzo della mascherina non terminerà.

Condividi

10 Commenti

  1. dueballegiganti

    Mi sembra che questo sindacato faccia veramente il sindacato

    Rispondi
    • Flavio

      La persona positiva asinto.atica priva di sintomi respiratori non possiede una carica virale che può contagiare per via aerea ovvero non infetta l’aria a lui circostante per potere trasmettere il contagio

      Rispondi
  2. Federica

    Ben fatto!!!

    Rispondi
  3. Federica

    Grande FISI

    Rispondi
  4. Paola

    Salve sono una Oss in una RSA a noi ci hanno imposto la ffp2 dicendoci che siamo obbligati ad indossarla, è proprio così o si può fare a meno. Grazie per la risposta.

    Rispondi
  5. Maria Teresa

    Io sono operaia sono d accordo dire basta alle maschere… Sindacati piegati al sistema…
    Pronti a disobbedire e dire basta a tutto questo

    Rispondi
  6. Fedi Maria Elena

    Giustissimo e anche salvaguardarci dalle inoculazioni

    Rispondi
  7. Paola

    No mask, no green pass, no governo Draghi bis. Basta discriminazioni. Mr hope a casa

    Rispondi
  8. Carol

    Vorrei sapere come risponde la ditta Cuccinelli al fatto che la mascherina non è un Dpi inserito per tutti i lavoratori nel TU della sicurezza sul lavoro 81/2008..

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Recenti

Categorie

Eventi

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

Anche il FISI parteciperà a corteo che si terrà a Castelfranco Veneto il 14 maggio prossimo. Tra i relatori, oltre al Segretario Vicario Ciro Silvestri, ci saranno: Francesco Toscano, Loris Mazzorato, Davide Gerotto, guido Cappelli, Stefano Puzzer e Andrea Donaggio.

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

Venerdì 8 aprile presso la Fattoria Il Rosmarino in Via Pialoi a Marcon (VE), il FISI incontra i lavoratori per parlare degli ultimi avvenimenti che hanno stravolto il mondo del lavoro dopo il DL aperture. I referenti del sindacato saranno a disposizione per...

Leggi anche

SE ATENE PIANGE, SPARTA NON RIDE

SE ATENE PIANGE, SPARTA NON RIDE

La politica continua a riproporsi in maniera autoreferenziale e non riesce a liberarsi dal bisogno di dare spettacolo, con tanto di battute e denigrazione degli avversari. Così facendo sarà il Paese tutto a perdere e nonostante, in un modo o in un altro, si formerà necessariamente un nuovo Governo, quasi sicuramente sarà l’ennesima sintesi di poteri che non rispondono alla sovranità popolare.

Condividi
IL RE E’MORTO, VIVA IL RE

IL RE E’MORTO, VIVA IL RE

Nell’Europa prerivoluzionaria di Antico Regime, la morte del re veniva annunciata in contemporanea con l’avvento del suo successore, ricorrendo alla formula: “il re è morto, viva il re!”. In uno strano gioco di corsi e ricorsi, sembra proprio quello che è accaduto...