ALI E FISI INSIEME CONTRO L’OBBLIGO VACCINALE

da | Giu 16, 2022 | Legalità | 0 commenti

Prosegue la battaglia di ALI contro gli abusi perpetrati ai danni dei cittadini dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad oggi.

A seguito della diffida inoltrata ad AIFA lo scorso marzo, con la quale l’Associazione Avvocati Liberi ha chiesto la revoca in via di autotutela o, in subordine, la declaratoria della sopravvenuta decadenza e/o inefficacia delle autorizzazioni di approvazione dei sieri sperimentali Comirnaty, Moderna, Vaxzevria, Janssen e Novavax, rimasta totalmente priva di riscontro, quest’oggi è stato iscritto a ruolo il ricorso al TAR contro l’Agenzia Italiana del Farmaco per chiedere la revoca delle autorizzazioni condizionate all’immissione in commercio dei farmaci vaccinali.

Un sentito ringraziamento lo rivolgiamo al Sindacato FISI ed ai suoi iscritti che “non mollano” veramente mai ed hanno collaborato fattivamente per rendere possibile questa azione, tanto fondata quanto necessaria.

Gli avvocati di ALI hanno dedotto il venir meno dei presupposti per l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio dei farmaci vaccini anti Covid19 che, ai sensi del Regolamento EU n. 507/2006, può essere rilasciata, solo in caso di emergenza o pandemia per determinate categorie di medicinali per i quali non sono disponibili tutti i dati completi o determinati studi preclinici, clinici o farmacologici, “al fine di rispondere a necessità mediche insoddisfatte dei pazienti e nell’interesse della salute pubblica”.

Attualmente tali condizioni sono venute meno, essendo cessata qualsivoglia emergenza sanitaria ed essendo stati approvati, sia dall’AIFA che dall’EMA, numerosi farmaci per la cura del Covid19, che curano l’intero spettro evolutivo della malattia, dalle fasi precoci agli stadi gravi e gravissimi, ed essendo ormai riconosciuti validi ed efficaci i protocolli terapeutici diversi ed ulteriori rispetto a quelli voluti inizialmente dal Ministero e definiti comunemente “paracetamolo e vigile attesa”.

In presenza, dunque, di terapie, cure e farmaci validi per il trattamento dell’infezione covid19, non possono più essere ritenute sussistenti quelle “necessità mediche insoddisfatte” che hanno consentito il rilascio dell’autorizzazione condizionata dei vaccini anticovid.

I ricorrenti, tutti obbligati a vario titolo alla vaccinazione, hanno inoltre sollevato dubbi sulla sicurezza dei vaccini in questione, sottoponendo alla valutazione del TAR i dati sui gravi effetti avversi sino ad ora emersi nel corso della campagna vaccinale.

Avv. Angelo Di Lorenzo

Il ricorso è disponibile per la sola lettura al seguente link

Ricorso al TAR contro AIFA per revoca cma vaccini

Condividi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Recenti

Categorie

Eventi

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

MANIFESTAZIONE A CASTELFRANCO VENETO 14 MAGGIO ORE 15:30

Anche il FISI parteciperà a corteo che si terrà a Castelfranco Veneto il 14 maggio prossimo. Tra i relatori, oltre al Segretario Vicario Ciro Silvestri, ci saranno: Francesco Toscano, Loris Mazzorato, Davide Gerotto, guido Cappelli, Stefano Puzzer e Andrea Donaggio.

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

VENEZIA: VENERDÌ 8 APRILE FISI INCONTRA I LAVORATORI

Venerdì 8 aprile presso la Fattoria Il Rosmarino in Via Pialoi a Marcon (VE), il FISI incontra i lavoratori per parlare degli ultimi avvenimenti che hanno stravolto il mondo del lavoro dopo il DL aperture. I referenti del sindacato saranno a disposizione per...

Leggi anche

IL DIRITTO È MORTO

IL DIRITTO È MORTO

Anita Mariani, lavoratrice della Brunello Cucinelli SPA e sindacalista FISI, è stata licenziata.

Condividi