FISI IN PRESIDIO A PARMA PER DIFENDERE GLI STIPENDI DEI SANITARI

da | Giu 15, 2022 | Dai Territori | 0 commenti

Alla vigilia del giorno che libera il comparto scuola e forze dell’ordine dall’imposizione dell’obbligo vaccinale, i sanitari continuano ad essere la categoria più vessata, ciò nonostante sia quella che ha maggiormente contribuito, sotto il profilo del lavoro e dei servizi, in questo anno e mezzo di pandemia.

Nell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Parma, al danno si unisce anche la beffa. Qui la dirigenza ha comunicato un disavanzo di due milioni di euro che porterebbe, a partire dal mese di ottobre, all’impossibilità di pagare lo stipendio a infermieri, OSS e personale sanitario.

Il FISI è in presidio davanti l’ingresso dell’AOU, in Via Gramsci, da mercoledì 8 giugno.

L’Azienda è una struttura di eccellenza e un centro di riferimento traumatologico e neurochirurgico per tutta la regione Emilia-Romagna. Il FISI dunque chiede alla dirigenza generale di pretendere risorse aggiuntive dalla Regione per salvare gli stipendi di tutti i dipendenti, che hanno fronteggiato al meglio l’emergenza sanitaria Covid-19, pagando anche con la vita, e che pertanto hanno diritto alla giusta valorizzazione e alla giusta retribuzione.

Finché alle chiacchiere non seguiranno i fatti, il FISI andrà avanti ad oltranza, invitando le altre sigle sindacali a fare altrettanto perché più sigle saranno presenti, tanto meglio sarà per i lavoratori. La lotta per i diritti deve andare oltre il colore delle bandiere.

https://www.facebook.com/watch/?v=553692569707626

Condividi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche